Professionalità, etica, passione

11 Ottobre, 2021

In Gazzetta le disposizioni attuative per il contributo a fondo perduto attività chiuse

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 240 del 7 ottobre 2021 il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, datato 9 settembre 2021, che stabilisce le modalità attuative connesse all’utilizzo delle risorse del Fondo per il sostegno alle attività economiche istituito dall’art. 2 del decreto “Sostegni-bis” (D.L. n. 73 del 25 maggio 2021).

Con il decreto MISE sono state individuate le misure attuative relative all’utilizzo di tale fondo: viene riconosciuto un nuovo contributo a fondo perduto, destinato alle discoteche ed ad altre attività, identificate mediante codice ATECO, che siano state obbligate alla chiusura per almeno 100 giorni nell’intervallo di tempo intercorrente dal 1° gennaio 2021 alla data di conversione in legge del D.L. n. 73/2021 , ovvero il 25 luglio 2021, a causa delle misure restrittive anti Covid-19.

Verrà riconosciuto sotto forma di contributo a fondo perduto a favore di esercenti attività di impresa, arte e professione, residenti o stabiliti nello Stato:

  1. Contribuenti che alla data del 23 luglio 2021 svolgono come attività prevalente (come da comunicazione all’Agenzia delle Entrate con modelli AA7/AA9) l’attività identificata dal codice ATECO 93.29.10 – Discoteche, sale da ballo, night-club e simili.
  2. Contribuenti che alla data del 26 maggio 2021  svolgono come attività prevalente (come da comunicazione all’Agenzia delle Entrate con modelli AA7/AA9) una delle attività identificate da codice ATECO come da allegato 1 al decreto 9 settembre 2021:
    • 47.78.31 Commercio al dettaglio di oggetti d’arte (incluse le gallerie d’arte)
    • 49.39.01 Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o suburbano
    • 56.21.00 Catering per eventi, banqueting
    • 59.14.00 Attività di proiezione cinematografica
    • 79.90.11 Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento
    • 82.30.00 Organizzazione di convegni e fiere
    • 85.51.00 Corsi sportivi e ricreativi
    • 85.52.01 Corsi di danza
    • 90.01.01 Attività nel campo della recitazione
    • 90.01.09 Altre rappresentazioni artistiche
    • 90.02.09 Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche
    • 90.04.00 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche
    • 91.02.00 Attività di musei
    • 91.03.00 Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili
    • 92.00.02 Gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone
    • 92.00.09 Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse
    • 93.11.10 Gestione di stadi
    • 93.11.20 Gestione di piscine
    • 93.11.30 Gestione di impianti sportivi polivalenti
    • 93.11.90 Gestione di altri impianti sportivi nca
    • 93.13 Gestione di palestre
    • 93.21 Parchi di divertimento e parchi tematici
    • 93.29.10 Discoteche, sale da ballo night-club e simili
    • 93.29.30 Sale giochi e biliardi
    • 93.29.90 Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca
    • 96.04 Servizi dei centri per il benessere fisico
    • 96.09.05 Organizzazione di feste e cerimonie
      A condizione che l’attività sia rimasta chiusa per almeno 100 giorni nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio 2021 ed il 25 luglio 2021 (data di entrata in vigore della legge n. 106/2021 di conversione del D.L. n. 73/2021 ).

Per accedere al contributo a fondo perduto attività chiuse i contribuenti interessati dovranno presentare istanza telematica, direttamente o per il tramite di un intermediario delegato all’accesso al Cassetto Fiscale.

Le modalità operative saranno definite solo in seguito, con un provvedimento del Direttore dell’Agenzia Entrate da emanarsi entro 60 giorni dalla pubblicazione del decreto.

L’aiuto sarà concesso nei limiti della dotazione finanziaria prevista. Al termine finale di presentazione delle necessarie istanze telematiche si porranno a confronto le richieste con le disponibilità, e si procederà al riparto delle somme disponibili, secondo criteri di assegnazione stabiliti come segue:

  1. riparto, in egual misura, di 20 milioni di euro tra i beneficiari “prioritari”, ovvero le discoteche e similari, con limite massimo di contributo pari a 25 milioni di euro;

  2. i residui 120 milioni di euro (più eventuali somme che dovessero residuare dalla quota parte assegnata in via prioritaria alle discoteche) saranno ripartiti tra gli altri beneficiari (tra i quali figurano nuovamente le discoteche e similari), secondo i seguenti criteri, basati sull’ammontare dei ricavi o compensi conseguiti nel periodo di imposta 2019:
    a)  3.000 euro a favore dei soggetti con ricavi o compensi fino a 400mila euro;
    b)  7.500 euro a favore dei soggetti con ricavi o compensi superiori a 400mila euro ma entro 1 milione di euro;
    c) 12.000 euro a favore dei soggetti con ricavi o compensi superiori a 1 milione di euro.

Meli & Associati

Via Nastrucci, 23
29122 - Piacenza
Tel.: 0523/579590
Fax: 0523/606671

stmeli@studiomeli.it

Il network

Studio Meli & Associati Dottori Commercialisti è uno Studio Commercialista dinamico ed innovativo che offre ai propri Clienti servizi di alta qualità professionale, con il supporto delle più efficaci tecnologie ed operando in sinergia con primari Studi Commercialisti, Legali e di Consulenti del Lavoro e con società di servizi.
Significative esperienze sono state maturate in tal senso con la collaborazione al network AteneoWeb e con altre note società operanti nel settore ICT (Information and Communication Technology).
Prioritaria è la collaborazione tra Studio Meli & Associati Dottori Commercialisti e Studio Meli S.r.l..

Meli & Associati - P.IVA: 01113360331