Professionalità, etica, passione

5 Giugno, 2019

Il servizio mensa “marginale” non è soggetto a memorizzazione e trasmissione elettronica dei corrispettivi (fino al 31 dicembre 2019)

A decorrere dal 1° gennaio 2020 i soggetti che effettuano commercio al minuto ed attività assimilate memorizzano elettronicamente e trasmettono telematicamente all’Agenzia Entrate i dati relativi ai corrispettivi giornalieri.
Le norme si applicano a decorrere dal 1° luglio 2019 ai soggetti con un volume d’affari (corrispettivi + fatture) superiore ad euro 400.000.

Con D.M. 10 maggio 2019, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha individuato gli esoneri, tra cui, fino al 31 dicembre 2019, le operazioni  effettuate in via marginale rispetto a quelle o rispetto a quelle soggette agli obblighi di fatturazione (a tal fine, la norma specifica che si considerano marginali le operazioni i cui ricavi o compensi non superano l’1% del volume d’affari registrato nel 2018).

In particolare, con la risposta a interpello n. 159 del 2019 l’Agenzia Entrate ha chiarito che per il 2019, sia il servizio mensa offerto ai dipendenti, quantitativamente marginale e comunque rientrante nella previsione per cui non sono soggette all’obbligo di certificazione le operazioni riguardanti le somministrazioni di alimenti e bevande rese in mense aziendali, interaziendali, scolastiche ed universitarie nonché in mense popolari gestite direttamente da enti pubblici e da enti di assistenza e di beneficenza, sia quello di trasporto (marginale) non sono soggetti all’obbligo di memorizzazione ed invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

La marginalità consente di escludere la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi solo fino al 31 dicembre 2019.

In alternativa resta comunque la possibilità di emettere fatture, anche riepilogative, e di annotare cumulativamente tali fatture.

L’Agenzia Entrate evidenzia però che in assenza di un’opzione esercitata entro il 31 dicembre 2018 per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi, l’effettuazione delle operazioni di cui all’art. 22 del decreto IVA esclude automaticamente qualunque riduzione dei termini dell’accertamento, che rimangono quelli ordinari.

Meli & Associati

Via Nastrucci, 23
29122 - Piacenza
Tel.: 0523/579590
Fax: 0523/606671

stmeli@studiomeli.it

Il network

Studio Meli & Associati Dottori Commercialisti è uno Studio Commercialista dinamico ed innovativo che offre ai propri Clienti servizi di alta qualità professionale, con il supporto delle più efficaci tecnologie ed operando in sinergia con primari Studi Commercialisti, Legali e di Consulenti del Lavoro e con società di servizi.
Significative esperienze sono state maturate in tal senso con la collaborazione al network AteneoWeb e con altre note società operanti nel settore ICT (Information and Communication Technology).
Prioritaria è la collaborazione tra Studio Meli & Associati Dottori Commercialisti e Studio Meli S.r.l..

Meli & Associati - P.IVA: 01113360331